Comunicati stampa

SoloAffitti in Piemonte e Lombardia mette gli appartamenti a disposizione del personale medico sanitario, dei pazienti e delle loro famiglie

Un accordo di solidarietà tra l’azienda centrale, i responsabili territoriali delle agenzie locali e i proprietari, che permetterà a medici, infermieri, pazienti e loro parenti di avere gli appartamenti gratuitamente per un primo periodo e dopo a prezzi agevolati

Nella difficoltà, spesso gli italiani si riscoprono un popolo unito e solidale. E così è anche in questi giorni, in cui tutto il paese continua a lottare contro il coronavirus. Ospedali allo stremo, sovraffollati, tra contagiati dal Covid19 e pazienti ordinari, costretti ad assumere rapidamente nuovi medici e infermieri, addirittura anche senza abilitazione, per riuscire a far fronte a un numero di persone malate sempre maggiore.

SoloAffitti, azienda leader nel settore degli affitti brevi e a lungo termine, ha deciso di dare il suo contributo. Grazie ad un accordo tra l’azienda centrale, i responsabili territoriali delle agenzie locali della Lombardia e i proprietari degli immobili, i medici, gli infermieri, tutto il personale ospedaliero, i pazienti e le loro famiglie potranno usufruire di agevolazioni per affitti brevi, godendo di un primo periodo completamente gratuito, seguito da contratti a prezzi inferiori.

Tra coloro che hanno già aderito all’iniziativa, Francesco Zappia, responsabile dell’agenzia SoloAffitti Brescia1, nel cui territorio stanno già usufruendo dell’agevolazione medici e pazienti, e Massimo Magni, responsabile dell’agenzia SoloAffitti di Lecco, che ha, inoltre, preso contatti con l’ordine degli infermieri, e Paola Perrero, responsabile dell’agenzia SoloAffitti di Caselle Torinese

Tutti coloro che lavorano negli ospedali, dai medici, agli infermieri, agli addetti alla sanificazione degli ambienti, sono dei veri e propri eroi, costretti a doppi turni, senza quasi la possibilità di riposare. – Ha commentato Massimo Magni, co-founder SoloAffiti Brevi Tutto per preservare la salute nazionale. Il minimo che potevamo fare, era aiutarli ad avere un luogo in cui tornare a riposare una volta finite quelle lunghe ore di lavoro, senza che siano costretti a spendere troppo. Il nostro pensiero, poi, è andato anche ai malati, e a chi è stato trovato positivo al Covid19, ma non vuole fare la quarantena a casa propria, rischiando di contagiare anche gli altri membri della famiglia. Speriamo che il nostro gesto possa aiutare molte persone in questa difficile lotta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *